A ZEDDIANI IL PRIMO TAVOLO ALL’APERTO
Il comune di Zeddiani passerà alla storia per essere stato il primo ad aderire al progetto “Vivi il Ping Pong, ideato e fortemente caldeggiato dal presidente Fitet Sardegna Simone Carrucciu.

Dopo tante peripezie derivanti da un iter burocratico tutto da inventare si può finalmente inaugurare il tavolo all’aperto che sorge in un Parco sportivo dove già esistono spazi dedicati a calcetto e basket. L’area sarà cardio protetta grazie all’installazione di un defibrillatore. Tutti i comuni isolani sono stati coinvolti in un progetto dove viene esaltata anche la componente culturale, sociale, sportiva e turistica. Venerdì 19 ottobre alle 17:30 inaugurazione ufficiale alla presenza di pongisti di livello che daranno dimostrazioni su un tavolo particolare che resisterà alle intemperie. Per l’occasione sono invitati i cittadini di Zeddiani e anche le scuole del circondario. Si attendono anche tanti curiosi dal momento che il comune dell’oristanese è a due passi dalla S.S. 131.

TURISPORT 2018: IL POPOLO APPREZZA E LA FITET GONGOLA
Buona affluenza, solito entusiasmo, partecipazione quasi nulla da parte delle società sarde. Si può sintetizzare così l’esperienza vissuta all’interno dello stand Fitet Sardegna nei tre giorni che hanno caratterizzato l’edizione n. 38 del Turisport, presso il Quartiere Fieristico di Cagliari. Come da tradizione i due tavoli sono stati collocati all’interno dello spazio (messo a disposizione dall’efficiente organizzazione targata CONI), e non sono mai stati inattivi. Molti i bambini che hanno voluto provare aiutati, in quello che per loro era il primo approccio alla disciplina, dalle esperte collaboratrici presenti. Considerevole il numero degli adulti vogliosi di riesumare ebbrezze perdute; parecchi i giovani atleti arrivati in viale Diaz per esibirsi in altre discipline e che hanno preferito staccare col ping – pong.

Nella zona reception si sono alternate decine di curiosi desiderose di attingere informazioni sulle società più vicine a casa per eventuali tesseramenti. Le dritte impartite sono state prettamente geografiche ma non funzionali, perché nessuna società, a parte una, ha avuto l’interesse di propagandare la propria attività in un appuntamento unico nel suo genere. “Sono costretto a ripetermi tutti gli anni – sottolinea il presidente dela Fitet Sardegna Simone Carrucciu – ma anche in questa circostanza le nostre società affiliate hanno perso una grande occasione per mettersi in mostra e portare linfa ai loro vivai e non solo. Spero che le informazioni divulgate dai nostri collaboratori abbiano comunque colpito nel segno, convogliando i ben intenzionati verso le palestre; sarebbe comunque un ottimo successo per il movimento. Un grazie particolare ai collaboratori, a coloro che ci hanno voluto consultare e soprattutto al CONI per l’ospitalità”.
Ufficio Stampa

Commenti